Manuale per Assistente di Studio Odontoiatrico – seconda edizione

Manuale per Assistente di Studio Odontoiatrico – seconda edizione

Formato:
Prodotto non disponibile

Spedizione gratuita per ordine sopra i 19 euro

18 App Carta Docente
Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente
Descrizione

Non appena fu impostato questo testo per ASO, sotto la guida di Paride Zappavigna, accettai con entusiasmo di presentarlo e di dare il mio contributo per il capitolo a me più congeniale, cioè l’ergonomia.

In quell’occasione mi fu gradito sottolineare, e – data la mia esperienza – ribadire, come l’assistente fosse una figura imprescindibile per integrare la squadra di lavoro a beneficio del paziente bisognoso di cure odontoiatriche.

Questa ristampa aggiornata è arricchita di nuovi contributi e nuovi capitoli, che rendono il testo più ricco e più aderente alle novità istituzionali che sono maturate durante l’anno passato. Alludo all’istituzione del “profilo” ministeriale, riguardante l’assistente di studio odontoiatrico (ASO) che viene così definitivamente ad affiancarsi, in modo professionalmente coerente, all’odontoiatra e all’igienista. Con l’attenzione rivolta al passato, infatti, si doveva considerare incomprensibile e inaccettabile che l’odontoiatra
venisse affiancato, nelle sue pratiche terapeutiche, da persone con competenze
professionali completamente estranee a quanto richiede la nostra disciplina.

Infatti, sia per quanto riguarda la componente operativa manuale sia quella comunicazionale, era ormai pienamente riconosciuto che noi dentisti non potessimo affidarci alla collaborazione di figure del tutto “dilettantesche” o con preparazione comunque estemporanea, autoreferenziale e, sostanzialmente, inadeguata.

Con il “profilo” tutto questo cessa del tutto, con il sincero rammarico che questa istituzionalizzazione avvenga con grave e incomprensibile ritardo, e con l’indiscutibile certezza che non si possa più, per alcun motivo, ripetere l’errore del passato.

Mi piace qui ribadire, al riguardo, con sempre maggior convinzione, quanto già scrissi nella precedente presentazione. In primo luogo perché faccio il dentista da oltre sessant’anni, con più di 72mila ore di lavoro alla poltrona, davanti e per il paziente.

Ho fatto questo lavoro come assistente universitario, come dentista “mutualista”, come libero professionista. Da tutta questa esperienza ho ricavato un precetto fondamentale: alla gente non interessa né la nostra capacità tecnica, da sola, né le nostre competenze burocratiche o adempimentistiche, da sole; quanto interessa di più alla gente è “essere trattata bene”, e, ancora più difficile, in modo integrato.

Quando si parla di “modo integrato” si deve includere, nel gioco delle parti tra dentista e paziente, l’imprescindibile figura del collaboratore, oggi “profilata” ASO.

Questo collaboratore o collaboratrice deve essere specificamente preparato a svolgere compiti che non si limitino a dettagli manuali o vagamente ancillari, ma deve, anzitutto e fondamentalmente, aver compreso che il suo lavoro è di imprescindibile supporto a particolari psicologici e umani. Anche l’ASO, per essere chiari, deve essere coinvolto in quel contesto operativo di “Vision and Mission” che fa del nostro lavoro un unicum professionale, ispirato, anche suo caso, dal nostro Codice Deontologico. Questo prescrive l’Articolo 20 del Codice: il dentista deve cercare di realizzare con il paziente una “alleanza”, che si debba realizzare attraverso la “comunicazione”: a questo ideale deve attenersi, contestualmente, anche l’ASO.

Ed eccoci all’importanza consequenziale di questo testo, oggi rinnovato. In primo luogo perché è indispensabile che la professionalità di ogni dentista venga integrata e sostenuta da collaboratori competenti e davvero preparati al lavoro, quale ho poco prima descritto.

Fino a oggi troppo si è atteso, e i tentativi posti in atto sono stati pericolosamente settoriali e non hanno mai avuto una visione doverosamente globale e approfondita. In secondo luogo questo testo è valido perché la sinergia sviluppata tra colleghi e amici, con attività quotidiane di vario tipo e con l’avallo di diverse egide, è un segnale altamente efficace per tutta l’odontoiatria.

Questo dimostra la capacità di lavorare avvalendosi delle più disparate competenze, con il supporto di un ampio panorama culturale e, finalmente, con l’imprimatur ministeriale che ha codificato il “profilo” ASO, sul quale, per alcun motivo, possono essere presentate interpretazioni riduttive.

Sono certo che il testo, così ben impostato e realizzato, con il contributo di illustri colleghi e sotto l’eccellente guida di Paride Zappavigna, avrà grande successo, meritatissimo e superiore a ogni immaginabile aspettativa.

Dettagli
RilegaturaBrossura

Non appena fu impostato questo testo per ASO, sotto la guida di Paride Zappavigna, accettai con entusiasmo di presentarlo e di dare il mio contributo per il capitolo a me più congeniale, cioè l’ergonomia.

In quell’occasione mi fu gradito sottolineare, e – data la mia esperienza – ribadire, come l’assistente fosse una figura imprescindibile per integrare la squadra di lavoro a beneficio del paziente bisognoso di cure odontoiatriche.

Questa ristampa aggiornata è arricchita di nuovi contributi e nuovi capitoli, che rendono il testo più ricco e più aderente alle novità istituzionali che sono maturate durante l’anno passato. Alludo all’istituzione del “profilo” ministeriale, riguardante l’assistente di studio odontoiatrico (ASO) che viene così definitivamente ad affiancarsi, in modo professionalmente coerente, all’odontoiatra e all’igienista. Con l’attenzione rivolta al passato, infatti, si doveva considerare incomprensibile e inaccettabile che l’odontoiatra
venisse affiancato, nelle sue pratiche terapeutiche, da persone con competenze
professionali completamente estranee a quanto richiede la nostra disciplina.

Infatti, sia per quanto riguarda la componente operativa manuale sia quella comunicazionale, era ormai pienamente riconosciuto che noi dentisti non potessimo affidarci alla collaborazione di figure del tutto “dilettantesche” o con preparazione comunque estemporanea, autoreferenziale e, sostanzialmente, inadeguata.

Con il “profilo” tutto questo cessa del tutto, con il sincero rammarico che questa istituzionalizzazione avvenga con grave e incomprensibile ritardo, e con l’indiscutibile certezza che non si possa più, per alcun motivo, ripetere l’errore del passato.

Mi piace qui ribadire, al riguardo, con sempre maggior convinzione, quanto già scrissi nella precedente presentazione. In primo luogo perché faccio il dentista da oltre sessant’anni, con più di 72mila ore di lavoro alla poltrona, davanti e per il paziente.

Ho fatto questo lavoro come assistente universitario, come dentista “mutualista”, come libero professionista. Da tutta questa esperienza ho ricavato un precetto fondamentale: alla gente non interessa né la nostra capacità tecnica, da sola, né le nostre competenze burocratiche o adempimentistiche, da sole; quanto interessa di più alla gente è “essere trattata bene”, e, ancora più difficile, in modo integrato.

Quando si parla di “modo integrato” si deve includere, nel gioco delle parti tra dentista e paziente, l’imprescindibile figura del collaboratore, oggi “profilata” ASO.

Questo collaboratore o collaboratrice deve essere specificamente preparato a svolgere compiti che non si limitino a dettagli manuali o vagamente ancillari, ma deve, anzitutto e fondamentalmente, aver compreso che il suo lavoro è di imprescindibile supporto a particolari psicologici e umani. Anche l’ASO, per essere chiari, deve essere coinvolto in quel contesto operativo di “Vision and Mission” che fa del nostro lavoro un unicum professionale, ispirato, anche suo caso, dal nostro Codice Deontologico. Questo prescrive l’Articolo 20 del Codice: il dentista deve cercare di realizzare con il paziente una “alleanza”, che si debba realizzare attraverso la “comunicazione”: a questo ideale deve attenersi, contestualmente, anche l’ASO.

Ed eccoci all’importanza consequenziale di questo testo, oggi rinnovato. In primo luogo perché è indispensabile che la professionalità di ogni dentista venga integrata e sostenuta da collaboratori competenti e davvero preparati al lavoro, quale ho poco prima descritto.

Fino a oggi troppo si è atteso, e i tentativi posti in atto sono stati pericolosamente settoriali e non hanno mai avuto una visione doverosamente globale e approfondita. In secondo luogo questo testo è valido perché la sinergia sviluppata tra colleghi e amici, con attività quotidiane di vario tipo e con l’avallo di diverse egide, è un segnale altamente efficace per tutta l’odontoiatria.

Questo dimostra la capacità di lavorare avvalendosi delle più disparate competenze, con il supporto di un ampio panorama culturale e, finalmente, con l’imprimatur ministeriale che ha codificato il “profilo” ASO, sul quale, per alcun motivo, possono essere presentate interpretazioni riduttive.

Sono certo che il testo, così ben impostato e realizzato, con il contributo di illustri colleghi e sotto l’eccellente guida di Paride Zappavigna, avrà grande successo, meritatissimo e superiore a ogni immaginabile aspettativa.

Rilegatura:Brossura
AriesDue
Immagine copertina Il Bionator di Balters e l’arrampicalingua (incompiuta)

Il Bionator di Balters e l’arrampicalingua (incompiuta)

Perché pubblicare un libro sul metodo introdotto da Balters il secolo scorso, attorno agli anni cinquanta? Durante il primo momento della mia attività professionale, l’ortodonzia era guidata da principi funzionalistici strettamente correlati alla crescita scheletrica.
di Aurelio Levrini
Promo
-5%
85,50 €90,00 €
Immagine copertina Lezioni di clinica odontostomatologica

Lezioni di clinica odontostomatologica

La gestione dello studio comporta, invariabilmente, contatto costante con potenziali situazioni di contenzioso: dalla cura di un paziente che ha subito un trauma, automobilistico o da infortunio, alla gestione di colui che giunge, dopo conflitto con altro collega, alla sofferenza del medesimo rapporto.
di Luciano Pacifici, Umberto Romeo, Orlando Brugnoletti, Alberto De Biase
Promo
-5%
17,10 €18,00 €
Immagine copertina A proposito di legge

A proposito di legge

La gestione dello studio comporta, invariabilmente, contatto costante con potenziali situazioni di contenzioso: dalla cura di un paziente che ha subito un trauma, automobilistico o da infortunio, alla gestione di colui che giunge, dopo conflitto con altro collega, alla sofferenza del medesimo rapporto.
di Marco Lorenzo Scarpelli
Promo
-5%
14,25 €15,00 €
Immagine copertina Conoscenza legale

Conoscenza legale

Il dentista nella sua professione si trova ad affrontare giornalmente questioni diverse di natura strettamente giuridica sottese alla corretta gestione dello studio: l’apertura della struttura, gli adempimenti relativi l’impianto radiologico, la privacy, la sicurezza sul luogo di lavoro, la pubblicità sanitaria e così discorrendo.
di Giovanni Pasceri
Promo
-5%
14,25 €15,00 €
Immagine copertina Manuale per l’esercizio della professione odontoiatrica

Manuale per l’esercizio della professione odontoiatrica

Con molto piacere ho accettato l’invito a presentare il volume “Manuale per l’esercizio della Professione Odontoiatrica” dedicato a Studenti e Laureati in Odontoiatria e comunque a tutti i Colleghi che legittimamente esercitano la nostra Professione.
Promo
-5%
33,25 €35,00 €
Immagine copertina Presupposti

Presupposti

Ci preme innanzitutto ringraziare tutta la redazione di Doctor Os e il Dott.
di Marcello Terzuolo, Alessandro Terzuolo, Umberto Terzuolo
Promo
-5%
14,25 €15,00 €
Immagine copertina Odontostoria

Odontostoria

Questo volume contiene una serie di articoli, pubblicati da Doctor Os a firma dello scrivente.
di Paolo Zampetti
Promo
-5%
14,25 €15,00 €
Immagine copertina Tra i Maestri e Pionieri dell’odontoiatria italiana

Tra i Maestri e Pionieri dell’odontoiatria italiana

Durante una serata dedicata al 40º della SIRIO, nel novembre 2014, ci venne data l’opportunità di intervistare Ennio Giannì.
di Damaso Caprioglio, Paolo Zampetti
Promo
-5%
159,60 €168,00 €
Immagine copertina Il dente avvelenato

Il dente avvelenato

Lo scandalo della tossicità degli amalgami, argomento di scottante interesse per la salute mondiale, viene affrontato dagli autori in questo testo sinottico scientifico di ampio respiro.
di Adolfo Panfili, Valeria Mangani
Promo
-5%
15,70 €16,53 €
Immagine copertina Osteonecrosi dei mascellari e bisfosfonati

Osteonecrosi dei mascellari e bisfosfonati

Negli ultimi anni sono comparse nel mondo sempre più numerose segnalazioni di Osteonecrosi dei Mascellari (ONJ) insorte in pazienti oncologici o affetti da osteoporosi trattati con bisfosfonati (BF).
di Paolo Vescovi
Promo
-5%
28,41 €29,90 €