logo
-5%

Argomenti:

Consigli pratici per vivere la malattia

cartaceoepubpdf
Formato9,90€ 9,41€7,99€9,99€
Formato : Cartaceo
Clear selection
  • Edizione: I
  • Pagine: 96
  • ISBN: 978-88-481-4095-9
  • Rilegatura: Brossura
  • Formato: 15,00 x 21,00 cm
  • Editore: Tecniche Nuove
  • Data di Pubblicazione: 03/2021

Descrizione

Una diagnosi di cancro o di qualsiasi altra malattia “importante” ancora oggi suscita shock e sgomento, anche se la guaribilità e le possibilità di curare vantaggiosamente queste patologie hanno fortemente depotenziato l’alone di mistero, di dramma e di negatività. La malattia cambia le relazioni, rompe il senso di continuità della vita e incide sull’identità della persona che vorrebbe percepire normalità tante cose: gusto del bello, dell’arte, della musica, dello scrivere, della pittura, della poesia, del sentire il proprio corpo vivo e reattivo. In ciò il malato va aiutato, ed è quello che si fa con questo volume che non ha finalità psicologiche ma eminentemente pratiche per spingerlo a superare barriere negative, educandolo e addestrandolo a mantenere a denti stretti anche durante i trattamenti la propria normalità. Consigli di chi per più di quaranta anni ha visto malati e ha avuto modo di sperimentare nella prassi cosa è bene fare per recuperare energie interiori e voglia di vivere anche nelle difficoltà del momento.

Biografia

Alberto Scanni

ALBERTO SCANNI ha diretto il Dipartimento di oncologia dell’Ospedale Fatebenefratelli-Oftalmico di Milano sino al 2005, già consigliere e segretario della Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), fondatore e presidente della Società Italiana di Psiconcologia e del Collegio Italiano dei Primari oncologi medici ospedalieri (CIPOMO) di cui è attualmente Presidente emerito, è stato Direttore Generale dell’Istituto dei Tumori di Milano. È attualmente Presidente Onorario della Associazione Progetto Oncologia Uman.A, da lui fondata, che ha creato l’assistenza domiciliare e donato al Fatebenefratelli di Milano un reparto Hospice per i malati oncologici terminali.

Recensioni (0)