logo
Corso n. 310665 accreditato per 4 crediti

Rischio biologico in ambito sanitario – 4 crediti ECM

Valutazione dei rischi, misure protettive e preventive

  • Obiettivo Formativo: 27
  • Durata in ore: 4
  • Erogazione corso: Online
  • Data inizio: 15/01/2021
  • Da fruire entro: 31/12/2021
  • Destinatari: Tutte le professioni sanitarie

88,00 61,60

Destinatario del corso
*
*
*
*

Descrizione

Le attività lavorative che espongono professionalmente agli agenti biologici sono molteplici e tale fattore di pericolo deve quindi essere considerato al fine di attuare una efficace prevenzione e protezione dal rischio che ne deriva. In particolare l’ambito sanitario presenta criticità tali da richiedere una conoscenza ed una valutazione dei rischi accurata ed approfondita per evitare comportamenti scorretti da parte degli operatori che possano comportare infortuni e conseguenze anche gravi sulla salute degli stessi. Il D.Lgs. 81/08 al Titolo X affronta in particolare l’esposizione ad agenti biologici, inquadrando obblighi e responsabilità per il Datore di Lavoro finalizzate alla massima mitigazione del rischio. Anche per il rischio biologico, come per altri rischi lavorativi, si può individuare una classificazione nelle due seguenti categorie:
  • Rischio generico: è presente nella quasi totalità degli ambienti di lavoro per la presenza ubiquitaria di microrganismi non pericolosi. Di entità trascurabile, questo rischio è controllabile con l’adozione delle comuni norme igieniche.
  • Rischio specifico: è presente in quegli ambienti di lavoro in cui, per la particolarità delle attività svolte, è riconducibile la presenza, sia intenzionale che eventuale, i microrganismi pericolosi per la salute e il possibile contatto con essi.
L’obiettivo del corso, seguendo l’approccio tipico dei sistemi di gestione, è quello di fornire elementi per l’effettuazione della valutazione del rischio specifico e, soprattutto, indicazioni su prassi e procedure per la sua gestione nei luoghi di lavoro. Si affronteranno argomenti come le novità introdotte dal D.Lgs. 19 febbraio 2014, n. 19 in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario (noto come Titolo X Bis del D.Lgs. 81/08), i dispositivi taglienti e pungenti dotati di meccanismo di protezione (NPD, Needlestick Prevention Device), i dispositivi di protezione individuali (DPI) e collettivi (DPC), le corrette operazioni da eseguire durante le principali attività sanitarie. Nel focus sul nuovo agente biologico COVID 19 e l’infezione denominata SARS-CoV-2 si affronterà l’adozione di un piano di misure di carattere tecnico, organizzativo e procedurale finalizzato alla riduzione del rischio di contagio a tutela di tutti i lavoratori come stabilito dai DPCM (Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri) e dalle diverse ordinanze regionali ad integrazione delle disposizioni nazionali.

Vantaggi

Aggiornamento quinquennale valido per: RSPP/ASPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08 e Accordo Stato‐Regioni del 07/07/2016 e s.m.i., RSPP/Datore di Lavoro ex art. 34 D.Lgs. 81/08, Dirigenti, Preposti, Lavoratori, RLS ex art. 37 D.Lgs. 81/08.

Il corso

Corso realizzato da Accademia Tecniche Nuove in partnership con IM-SERVIZITECNICI.

ARGOMENTI TRATTATI

  • Inquadramento normativo
  • Obblighi dei soggetti responsabili
  • Valutazione del rischio
  • Identificazione e classificazione degli agenti biologici
  • Vettori, modi e vie di contaminazione
  • Misure di prevenzione e protezione generali
  • Precauzioni Standard (Universali)
  • Precauzioni da Trasmissione (Aggiuntive)
  • NPD (Needlestick Prevention Device), DPI e DPC
  • Gestione del rischio in attività tipiche: prelievi, attività ambulatoriali, procedure endoscopiche, procedure operatorie, attività di laboratorio, attività nelle degenze, procedure autoptiche, procedure per pazienti tubercolotici
  • Misure di prevenzione specifiche per ferite da taglio o da punta
  • Procedure in caso di esposizione
Coronavirus – COVID 19, gestione del rischio
  • Introduzione
  • Misure di prevenzione sia in ambito sanitario sia comunitario
  • Rischi connessi alle aree di degenza; agli ambulatori; alle ambulanze e ai mezzi di trasposto
  • Riorganizzazione dell’attività lavorativa

Curriculum vitae

Simona Cimetti

Infermiera Epidemiologa Specialista in Management del Rischio infettivo.
Ha conseguito il Master in “Coordinamento Infermieristico nelle Strutture Sanitarie” e in “Rischio Infettivo Correlato alle Pratiche Assistenziali”.
Componente del Comitato di Controllo Infezioni Ospedaliere e Membro del Gruppo Operativo per il Controllo e Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere (CIO) presso la Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna di Como (ASST Lariana).
Docente – Formatore per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e del D.I. 06/03/2013, in particolare in materia di Prevenzione delle Infezioni correlate alle pratiche assistenziali, agli aspetti epidemiologici ed organizzativi, smaltimento dei rifiuti e trasporto dei campioni biologici.

Recensioni (0)