logo

Flora d’Italia – Volume 1

cartaceoepubpdf
Formato110,00€ 104,50€--
Formato : Cartaceo
Clear selection
  • Edizione: II
  • Pagine: 1120
  • ISBN: 978-88-506-5242-6
  • Rilegatura: Cartonato
  • Formato: 19,50 x 26,00 cm
  • Editore: Edagricole - New Business Media
  • Data di Pubblicazione: 06/2017

Descrizione

Dopo 35 anni dalla prima, vede la luce la seconda edizione di Flora d’Italia che si compone oggi di quattro volumi cartacei di Sandro Pignatti e di una nuovissima Flora digitale realizzata da Riccardo Guarino Marco La Rosa, con più di 90.000 immagini a colori organizzate in un sistema di riconoscimento a criterio multiplo, comprendente 88.000 foto di flora italiana e tavole esplicative, che è allegata al quarto volume dell’opera.

In questo primo volume, oltre all’introduzione all’opera completa, vengono prese in esame le Pteridofite, le Gimnosperme e la prima parte delle Angiosperme, comprendente Angiosperme Basali, Magnoliide, Monocotiledoni (che nel 1982 figuravano nel terzo volume), Dicotiledoni suddivise in Eudicotiledoni Basali e Centrali.

L'ordinamento sistematico si spinge, attraverso Superfamiglie, Famiglie, Generi, Specie, Sottospeciesino alle varietà e alle forme di una stessa specie, ciascuna descritta nei minimi particolari. Ogni specie è inoltre illustrata da un disegno che ne evidenzia i particolari diagnostici.

Indice: Pteridophyta - Gymnospermae - Angiospermae.

Biografia

Marco La Rosa

Marco La Rosa ha insegnato nella scuola superiore per poi interessarsi alla botanica. Ha contribuito allo sviluppo delle chiavi dicotomiche della Flora e al suo data base.

Riccardo Guarino

Riccardo Guarino è ricercatore all’Università di Palermo nel corso di studi di Ecologia e Biologia vegetale. Botanico, collabora con numerosi atenei e centri di ricerca.

Sandro Pignatti

Sandro (Alessandro) Pignatti è uno dei massimi esperti italiani ed europei nel campo della botanica. Studioso di fama internazionale è stato ordinario di Botanica a Trieste e poi di Ecologia Vegetale all’Università di Roma “La Sapienza” di cui è emerito.

Recensioni (0)