logo

Codice deontologico commentato

cartaceoepubpdf
Formato18,00€ 17,10€--
Formato : Cartaceo
Clear selection

Descrizione

Il ruolo e il prestigio di una professione si giocano sulla capacità di mantenere nel tempo i valori etici
che la sostanziano e, contemporaneamente, di rispondere alle sfide continuamente nuove, poste
dall’evoluzione della scienza e dalle trasformazioni sociali. Questa capacità di trasfonde nelle norme
del Codice deontologico che comprende sia le regole cui deve adeguarsi il comportamento degli
iscritti all’Ordine sia gli indirizzi cui deve ispirarsi il loro agire professionale.
Neppure un decennio è trascorso tra il precedente Codice deontologico, promulgato nel 1998, e
quello che presentiamo. In così breve tempo i progressi della scienza e della tecnica hanno posto
nuovi problemi alla prassi quotidiana del medico, problemi fino a pochi anni fa del tutto impensabili.
Altresì nel tempo la morale si evolve e il costume si trasforma così che le norme del Codice sembrano
desuete rispetto al vissuto sociale.
La Federazione degli Ordini ha risposto con tempestività alle esigenze sia della società – tutti sanno
che il Codice, uno dei migliori del mondo, è utilizzato ed è punto di riferimento per i magistrati –
sia dei medici, che chiedono una guida ideale di fronte agli angosciosi dilemmi della clinica.
Il Codice, tuttavia, non ha soltanto adeguato alcune norme, ma ha introdotto nuovi concetti che soddisfano
richieste ugualmente sentite. Il rispetto dell’ambiente, la qualità professionale, la tutela del rischio
clinico, l’attiva partecipazione all’eliminazione delle discriminazioni, il rispetto delle decisioni del
paziente, molti sono gli articoli del tutto innovativi del recente Codice, che è corredato da due
regolamenti, uno riguardante il conflitto di interesse, l’altro la pubblicità, assenti nel precedente testo.

La trasparenza come regola fondante nei rapporti con gli sponsor e la veridicità come misura della
tutela del cittadino di fronte alla massa di informazioni spesso illusorie, rappresentano un’assunzione
di responsabilità diretta dell’Ordine a favore della cittadinanza.

Oggi la scienza consente di incidere sui confini della vita, di trasformare l’ambiente, di curare non
solo per ristabilire una perduta salute ma quasi per creare un nuovo essere, figlio dei trapianti e
dell’elettronica. Viviamo l’era dell’informatica, dell’enfasi dei bisogni, dei nuovi diritti, del tramonto
delle certezze, dell’aumento inarrestabile dei costi e del razionamento delle risorse. Il Codice non
può rispondere a tutto questo ma è l’unico strumento che i medici hanno, oltre al continuo studio
in una vita dedita all’apprendimento, per orientarsi tra le antinomie della società di oggi e rispondere
all’antico bisogno di aiuto per cui è nata la medicina.

Recensioni (0)

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.