Jean Klein ha studiato medicina e musica a Berlino e a Vienna. Fin dall’infanzia egli ebbe la convinzione che ci fosse un “principio” indipendente da tutte le forme di apprendimento. L’esplorazione di questa convinzione lo spinse fino in India dove fu introdotto, tramite un approccio diretto, alla dimensione della vita non-duale. Vivendo in quest’apertura incondizionata, libera da passato e futuro, egli fu colto, in un momento senza tempo, da un improvviso risveglio nella sua vera natura, l’”Io sono”. Non fu un’esperienza mistica, uno stato passeggero, ma il continuum della vita, il non-stato nella cui luce si manifestano nascita, morte e tutte le esperienze.